Come scegliere l’innesto rapido in relazione alle perdite di carico

In molti settori, il cambio di attrezzatura è un’operazione che si svolge più volte nel corso di una giornata lavorativa: poterla effettuare rapidamente e senza dover usare strumenti è fondamentale per mantenere alta la produttività.

Oltre alla rapidità delle operazioni è importante che non ci siano perdite di fluido che renderebbero l’ambiente di lavoro sporco ed insicuro, motivo per cui gli innesti rapidi impiegano meccanismi interni che garantiscono la tenuta una volta disaccoppiati.

In questi punti l’olio si muove in uno spazio più ridotto, costretto a scorrere attorno a questi componenti, e si verifica una caduta di pressione, comunemente detta perdita di carico: questo fenomeno è inevitabile se si vuole godere della versatilità di un circuito intercambiabile, perciò sta al produttore degli innesti rapidi proporre soluzioni che ne tengano conto.

Dal 1960, Stucchi è uno dei principali produttori di innesti rapidi a livello mondiale per la conduzione di fluidi in pressione. In 60 anni di attività, abbiamo portato continue innovazioni sul mercato attraverso i nostri prodotti, migliorando la qualità della nostra offerta grazie agli sforzi dedicati alla ricerca e sviluppo.

Valutiamo attentamente ogni scelta riguardo al design, ai componenti e ai meccanismi dei nostri innesti rapidi: in questo modo minimizziamo la perdita di carico, con risultati migliori rispetto alle altre opzioni sul mercato.

Il valore offerto dagli innesti rapidi non è però assoluto: bisogna considerare le caratteristiche del circuito in cui verrà impiegato per scegliere quello più adatto.

Uno dei fattori chiave è la dimensione dell’attacco idraulico rispetto a quella del tubo.

Se è troppo piccolo, la quantità di fluido risulterà eccessiva per l’innesto; incanalandosi così forzatamente, causa una maggiore perdita di carico e una riduzione delle performance del macchinario (movimenti più lenti). Nei casi più estremi i circuiti si surriscaldano oltre i limiti causando danni ai componenti, che non sono progettati a supportare tale condizione di esercizio, compromettendo così la funzionalità di tutto il sistema.

Per contro, un innesto rapido sovradimensionato non avrà di questi problemi, ma causerà un ingombro eccessivo che in molti contesti operativi può causare disagi e inefficienze di altra natura, nonché un costo superiore.

Per questi motivi, la tabella delle perdite di carico fornisce informazioni fondamentali per poter scegliere l’innesto rapido della misura più adeguata.

Per leggere la tabella:

  • si trova il valore della portata dell’impianto idraulico sull’asse verticale;
  • da qui, si scorre orizzontalmente fino a incrociare una delle linee rosse, che rappresentano i modelli di innesto rapido proposti;
  • il punto nero indica la loro portata massima, perciò se quella dell’impianto è superiore bisogna escludere a prescindere quell’innesto;
  • dal punto di incrocio, si ricava il valore della perdita di carico, scorrendo verticalmente fino a raggiungere l’asse orizzontale.

In questo modo, si possono identificare immediatamente le dimensioni dell’innesto rapido in base alla perdita di carico stimata.

Scopri di più sulle soluzioni offerte da Stucchi per la conduzione di flussi a pressione: contattaci subito.

Contattaci
Stai guardando il nostro sito con Internet Explorer 11. Per un'esperienza di migliore qualità, ti consigliamo di aggiornare il tuo browser.
Scarica un browser.